Trauma, meccanismo ed effetti persistenti

Approfondiamo il discorso sul trauma. Cos'è? Qual è il suo valore? È forse sinonimo di stress?

Trauma, meccanismo ed effetti persistenti
Pagina creata: 13 Giugno 2015

 

Il trauma è ciò che viene sentito quando nella vita si vive un evento negativo. L'evento cambia, alterandolo, lo scorrere normale della nostra esistenza fino a quel momento. Ricade nel termine tutto ciò che la persona interpreta come un pericolo per la propria esistenza o per quelli che lo circondano. Qualcosa che non si è riusciti ad evitare e di cui si sente una responsabilità, che sia reale o presunta. 

Ci sono tantissimi studi in merito, in particolare sulle conseguenze traumatiche per gli individui che hanno vissuto eventi negativi. Ad esempio, è stato stabilito che il trauma e ciò che consideriamo stress sono due cose ben diverse. Nella vita di tutti i giorni ci capita continuamente di leggere ciò che viviamo come stressante. Se lo stress rimane entro una certa soglia, però, non ci turba. Non ci farà nemmeno piacere, ma lo considereremo parte della nostra esistenza quotidiana. Spesso è stressante fare un trasloco o organizzare il nostro matrimonio, per esempio, due eventi che tendenzialmente consideriamo anche positivi! In questi casi gli effetti sul nostro corpo sono, però, a breve termine, ovvero vanno avanti finché il trasloco non è concluso o quando arriva il giorno delle nozze. 

Per quanto riguardo un trauma, il discorso non è così semplice. Al contrario dello stress, le sue conseguenze impattano sulla continuità dell'esistenza. La persona vive un'esperienza in cui non è protagonista attivo, ma passivo. Non sceglie, subisce. Per questo non sempre è facile superare un trauma, è qualcosa per cui non eravamo preparati e che ci fa sentire impotenti.

L'effetto del trauma, se non si interviene in maniera tempestiva non si esaurisce né subito dopo l'evento traumatico, ma nemmeno a distanza di tempo.

Alcuni traumi, se non trattati, ci accompagnano infatti per tutta la vita. 

Per saperne di più: "Effetti persistenti del trauma: i meccanismi ormonali e molecolari – Report dal Convegno SOPSI"

 

- Dr.ssa Giuseppina Di Carlo
Questo sito web utilizza cookies, anche analitici, di terze parti. Proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso. Per saperne di più consulta la privacy policy